Locandina Cielo Roma agg 28 04 16

 

Tre giorni di immersione nella scienza e nella natura nella città di Roma, con un nutrito programma di attività per il pubblico, incentrata sui temi dell’osservazione del cielo notturno in tutte le sue sfumature: questo sarà “Il Cielo di Roma 2016”.
L'iniziativa è organizzata dalla Regione Lazio, Direzione Ambiente e Sistemi Naturali in collaborazione con il Parco Regionale dell’Appia Antica. Durante la manifestazione sarà possibile osservare il sole e i pianeti con potenti telescopi, ascoltare i rapaci notturni, partecipare a laboratori didattici sui meteoriti, registrare gli ultrasuoni emessi dai pipistrelli al tramonto, vedere gli ultimi modelli delle attrezzature astronomiche presentati dai principali operatori del settore, effettuare esperimenti di fisica, ascoltare conferenze sulle onde gravitazionali, visitare una mostra sulla biodiversità e la citizen science e partecipare al Bioblitz CSMON-LIFE , partecipare alla raccolta dati su specie rare nel parco insieme ai ricercatori, informarsi sull’inquinamento luminoso e molto altro.

Grazie alla collaborazione di Unitronitalia Instruments, verrà organizzata nell’ambito della manifestazione, una mostra mercato di materiale astronomico con gli operatori commerciali del settore. Una serie di laboratori e conferenze saranno curati da Accademia delle Stelle e da altre associazioni. L’evento è indirizzato a favorire la partecipazione del pubblico, che troverà la possibilità di passare una giornata attiva nella quale approfondire la conoscenza del territorio del Parco, della sua flora e fauna e del cielo notturno in tutte le sue manifestazioni. Le attività per il pubblico siano tutte gratuite, con l'eccezione del Rocket Day, organizzato dall'associazione ScienzaImpresa e quelle presso Hortus Urbis e Dì Natura, abitualmente presenti la domenica in Cartiera.

Scarica il programma

Sabato 28 maggio 9.30 - 13.00 Convegno "L'inquinamento luminoso nelle aree protette del Lazio" 

Come arrivare in bus, dove parcheggiare 



In occasione dell'AppiaDay, in programma domenica 8 maggio, dedicato ad Antonio Cederna ci piace ricordare che fu lui il primo Presidente della Società Consortile della Regione Lazio a cui nel 1988 fu affidata la gestione del neonato Parco Regionale dell'Appia Antica.
"A 20 anni dalla sua scomparsa siamo lieti di potergli dedicare anche i risultati ottenuti dalla nascita dell'ente di gestione ad oggi seguendo la traccia che ci aveva lasciato", dichiara il direttore del parco, Alma Rossi, che lavora sull'Appia dal 1998. "Questo Parco nato dalla volontà dei cittadini con una legge di iniziativa popolare è oggi un esempio di promozione e gestione partecipata del territorio e dei beni comuni: tutti i giorni, tutto l'anno da quasi venti anni le Associazioni storiche che hanno voluto il Parco (Italia Nostra, Comitato per il Parco della Caffarella, Legambiente e WWF ) e tutte quelle che si sono aggiunte nel corso degli anni (Inforidea e Nereide associate della Federtrek, Torre del Fiscale Onlus, Humus Onlus, Ecologia Urbana, Volontari per il Parco degli Acquedotti e Zappata Romana), oggi gestiscono con noi il circuito dell'accoglienza e i relativi servizi; le attività culturali". 

Sempre in questi anni la Cartiera Latina e la valle della Caffarella sono diventati sempre più accoglienti e ricchi di opportunità di visita e di svago per migliaia di turisti e di romani.
In particolare nella valle della Caffarella, affidata alla gestione dell'Ente Parco, sono stati concentrati i maggiori investimenti che hanno, tra l'altro, restituito ai cittadini il Casale dell'ex Mulino e più di recente il Casale di Vigna Cardinali che ora ospita la Casa del Parco, affidata alla Humus Onlus. Agli Acquedotti il progetto di rinaturalizzazione, voluto e realizzato dal Parco, ha ridato al laghetto di Roma Vecchia e al Fosso dell'Acqua Mariana il loro aspetto così come tramandato in molte delle opere dei XXV della Campagna Romana ed oggi di loro e del verde circostante si occupano i Volontari per il Parco degli Acquedotti nel tratto extraurbano dell'Appia proprio in questi giorni stanno terminando i lavori di sistemazione lungo il X e l'XI miglio che hanno riportato alla luce il basolato e le macere, rendendo giustizia all'ingresso meridionale del Parco, da sempre presidio dei volontari di Legambiente Appia Sud.

Da non dimenticare, infine, il lavoro di promozione del territorio e di servizio al turismo condotto attraverso il Centro Servizi di via Appia Antica, prima "porta" di accesso al Parco, aperto tutti i giorni da settembre 2005 e l'impegno costante nella comunicazione attraverso il sito parcoappiaantica.it e i tutti i social media ufficiali che registrano un numero di contatti sempre crescente.
In tutti questi anni il Parco ha svolto il suo ruolo con un impegno costante e una grande responsabilità nei confronti di uno dei patrimoni più interessanti e, tutt'ora, poco valorizzati d'Italia, dove la campagna residuale è protetta, spazi di natura sopravvivono e il paesaggio affascina per le sue monumentali memorie storiche, per i suoi spazi aperti e per il contrasto con la città cresciuta tutt'intorno.
“Quello che manca ancora oggi è, innanzitutto, un progetto condiviso per la fruizione e quindi un vero progetto di mobilità sostenibile che non può prescindere dalla regolamentazione del traffico. Siamo felici di ospitare l'AppiaDay che comunque vada sarà una grande occasione per portare lungo l'Appia, attraversando il Parco, nuovi appassionati visitatori, perchè l'Appia antica, come ci ha insegnato Cederna, è di tutti” dichiara Mario Tozzi, Commissario Straordinario dell'Ente, nominato da Nicola Zingaretti, nell'agosto del 2013. 

Oltre alle attività previste presso la Cartiera Latina, il Parco Regionale dell'Appia Antica propone un incontro con Mario Tozzi, alle ore 11 presso il Ninfeo d'Egeria e una tour guidato in bici con  partenza alle ore 9.30 dalla Cartiera Latina per i sentieri meno noti della valle della Caffarella (info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. nolo bici Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). 

E domenica 8 maggio ricordatevi che siete i benvenuti solo a piedi e in bicicletta. Per arrivare a piedi agli appuntamenti che ti interessano di più cerca il bus che fa per te
Se non hai la bici cerca il noleggio più vicino al tuo punto di partenza. Se arrivi in macchina la devi parcheggiare fuori dal perimetro del Parco: guarda dove

 

Patrimonio 07

 La cascata del Fosso dell'Acqua Mariana agli Acquedotti: uno dei tanti risultati del Progetto Rinaturalizzazione 

 

 

 

 

 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">).


 

PuntoAcquedotti1

Il Punto Info Acquedotti ha cambiato pelle grazie ai ragazzi del Liceo Argan.
La visita all'area degli Acquedotti, ora, ha una nuova tappa obbligatoria: il Punto Informativo del Parco che grazie ai ragazzi delle classi 3A (Design), 5F, 5L (Figurativo) del Liceo Artistico Argan ha letteralmente cambiato pelle.
Il piccolo-grande capolavoro che ha preso forma tra il 16 e 20 aprile è nato nell'ambito dello storico rapporto di collaborazione tra l'Istituto Superiore e il Parco nell'ambito di percorsi di Educazione Ambientale.
L'obiettivo primario è stato quello di dare ai ragazzi l'opportunità di prendersi cura di un bene pubblico del loro territorio, diventando protagonisti contro il degrado e attivandosi per la promozione della conoscenza del patrimonio culturale.
Dal punto di vista tecnico/didattico il progetto “Green Point” per il restyling del Punto Info Acquedotti è stato orientato ad ottenere un effetto di compenetrazione e fusione con il paesaggio circostante, inserendo nelle composizioni dei singoli prospetti, oltre a figure fantastiche e metaforiche, anche elementi naturali quali alberi, cespugli e artificiali come l'acquedotto. Il risultato è una trasparenza ed una leggerezza d'insieme che ben caratterizza l'intervento e coinvolge l'osservatore determinando una presenza visiva e di richiamo nel particolare contesto.
Le fasi di lavoro dei ragazzi hanno previsto: sopralluoghi, rilievo grafico e fotografico; restituzione grafica con elaborati di pianta e prospetti in scala 1:20; schizzi e bozzetti preliminari sul posto ed a scuola; realizzazione dei cartoni definitivi; esecuzione delle pitture in loco; documentazione videofotografica; realizzazione di un video dell'esperienza, realizzato dal Laboratorio Musicale e Multimediale "Disaccordi" della scuola. Il progetto è stato coordinato dal Prof. Antonio Buldini e dalla Prof. ssa Stefania Russo.
Grazie di cuore a tutti i ragazzi!

Bozzetto1

 

                                                                                                                            Bozzetto del lato che guarda verso la Scuola Materna e Primaria 

 

Bozzetto2

 

                                                                                                                                            Bozzetto del lato posteriore 



PuntoAcquedotti2

PuntoAcquedotti3

 

PuntoAcquedotti4

 

PuntoAcquedotti5

 

PuntoAcquedotti6

 

whatsapp

 
Da oggi, 27 aprile, il Centro Servizi al Turismo del Parco Regionale Appia Antica è su WhatsApp e risponde al numero +39 3926696393.  
Il nuovo servizio, avviato in collaborazione con EcoBike, la società che gestisce il Centro Servizi situato al civico 60 di via Appia Antica, sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 17.00.
Tramite WhatsApp i visitatori potranno ricevere informazioni utili, anche in lingua inglese, su monumenti e itinerari di visita, prenotare visite guidate e noleggiare biciclette
Per accedere al servizio di help desk non servono registrazioni, basta scrivere al numero indicato.
Il servizio, già utilizzato con successo da altre amministrazioni pubbliche, punta a rendere sempre più interattiva la rete di accoglienza del Parco e a soddisfare le esigenze dei visitatori sempre più orientati all'utilizzo di dispositivi mobili. 
 

Condividi

Torna su