Mercoledì 2 settembre alle ore 20.30 nella valle della Caffarella, con la splendida cornice del plenilunio, il Parco regionale dell’Appia Antica, organizza, in prima romana assoluta, lo spettacolo “Al clima non ci credo” di e con Lorenzo Baglioni e Mario Tozzi, con la regia di Francesco Brandi. Lo spettacolo è prodotto da Mismaonda e Ridens Produzioni.

La pandemia sembra aver messo in secondo piano l’emergenza climatica ma, come hanno scritto e dimostrato molti studiosi. esse sono strettamente collegate. Con questo spettacolo si riporta l’attenzione su un tema fondamentale per il futuro stesso della Terra, dei nostri figli e dei nostri nipoti. Un appello forte e chiaro ad impegnarsi ora e non domani.

Mario Tozzi, è geologo, ricercatore CNR e divulgatore scientifico noto al grande pubblico, é Presidente del Parco e da anni si batte contro l’uso dissennato delle risorse naturali. Lorenzo Baglioni, classe ‘86, è cantante, attore e matematico. Ha fatto confluire queste tre abilità in una vocazione: semplificare, ridurre ai minimi termini, con l’aiuto dell’ironia e della musica, i temi più ostici (uno per tutti: il congiuntivo, presentato al Festival di Sanremo del 2018).
Dal loro incontro è nato il progetto di potenziare la forza divulgativa di entrambi mettendola alservizio dell’emergenza che ormai non possiamo più tacere: il cambiamento climatico.“Perché l’uomo non riconosce il cambiamento climatico? Forse perché per anni si è crogiolatodando credito a storie inventate, panzane consolatorie, bufale? L’uomo non c’entra; c’è ancora ghiaccio; non ci sono più le mezze stagioni; è il complotto dellelobby; il riscaldamento è finito…Tozzi e Baglioni hanno deciso di scrivere uno spettacolo per smontarle.

Sul palco, con l’ausilio di immagini e video, evocando Greta Thunberg, i molti movimenti ambientalisti internazionali animati dai giovani e ascoltando la vox populi, col conforto delletesi scientifiche e aiutati dalle didascalie canore, in un’ora e mezza scandita da un countdownscenico cercheranno di convincere le platee che per arrestare i danni dei mutamenti climaticinon c’è davvero più tempo.”

Lo spettacolo è promosso dalla Regione Lazio nell’ambito del programma “Vivi i Parchi del Lazio” lanciato dall’Assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali per l’estate 2020. La Regione Lazio è fortemente impegnata sui temi ambientali e sul potenziamento delle aree protette del Lazio ed ha di recente rilanciato il progetto Ossigeno per la piantumazione di 6 milioni di alberi.

Lo spettacolo è gratuito e a prenotazione obbligatoria (fee di prenotazione 1,50 euro) su parcoappiaantica.eventbrite.it.
Saranno attuate tutte le modalità di prevenzione previste per l’emergenza COVID 19. E’ obbligatoria la mascherina.
L’accesso è consentito dalle ore 19.00, si prega di arrivare entro le ore 20.00 per consentire tutte le operazioni di registrazione.
Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al clima noncicredo

Condividi

Torna su