Lettera  da un parco  aperto alla città

 

Carissimi,

tutti stiamo vivendo un momento in cui mai come ora dobbiamo  aiutarci con grande senso di responsabilità. La nostra vita è cambiata da quando è iniziata questa durissima battaglia contro il virus e secondo le previsioni delle autorità sanitarie c’è il rischio costante che i casi di contagio possano ancora aumentare.Anche il più innocente dei nostri gesti, infatti, oggi può trasformarsi in un potenziale pericolo.


Sempre più Sindaci in tutta Italia, come  Autorità Comunale di Protezione Civile, hanno   firmato ordinanze di chiusura di tutti i parchi, giardini pubblici e aree verdi con o senza recinzione e, disponendo il divieto di ingresso e di stazionamento all’interno degli stessi fino al 3 aprile incluso.

Dopo aver ricevuto numerose segnalazioni di situazioni  che purtroppo sfuggono  ai controlli, dobbiamo mettere in campo tutto ciò che può essere utile e allora abbiamo anche affisso dove possibile dei cartelli sui cancelli, cercando di dissuadere il più possibile dal girovagare nel parco, e non possiamo negare che questa sia anche una battaglia psicologica.La scelta di chiudere i parchi, come ben sapete è una dolorosa restrizione alla quale non possiamo sottrarci. 

Per i bisogni del nostro cane e l’attività motoria all’aperto rimaniamo nei pressi delle nostre abitazioni.Non possaimo fare altro, è il nostro dovere. Dico a tutti: se nei vostri rari e necessari spostamenti vedete delle situazioni di potenziale pericolo, in qualsiasi luogo della nostra città, non esitate a segnalarlo alle autorità.

Colgo l’occasione per ringraziare tutti i guardiparco, stanno svolgendo il loro lavoro con grande spirito di sacrificio, i nostri uffici sono chiusi e raggiungibili solo telefonicamente, ma VI PREGO NON TELEFONATE solo per  ...LE NORME ...etc. Il Virus non legge i decreti!

È importante avere la consapevolezza della gravità della situazione ma senza panico. Ognuno di noi può garantire la sicurezza propria e degli altri. Consapevolezza e sicurezza devono darci la fiducia. La fiducia che ce la faremo, usando testa e cuore, tutti insieme ma distanti!

Alma Rossi, Direttore del Parco Regionale dell'Appia Antica

 

 

Andra tutto bene

Condividi

Torna su